29 febbraio: liberate Rossella Urru!

Rossella è stata rapita nella notte tra il 22 il 23 ottobre 2011 insieme a due sue colleghi spagnoli nel campo profughi di Rabouni al confine tra Algeria e Mauritania, dove vivono irifugiati Saharawil’unico popolo africano a non aver ancora ottenuto il diritto all’autodeterminazione. Ad oggi, nonostante l’interesse della Farnesina, non ci sono nuovi contatti con i rapitori né chiarezza sui loro obiettivi. I media hanno progressivamente diluito l’attenzione sul suo rapimento e ormai nessuno può rassicurare la famiglia di Rossella sulle sue condizioni.

Il suo lavoro come cooperatrice  dell’ONG CISP consiste nel miglioramento della pianificazione e distribuzione degli aiuti umanitari nei campi profughi. Rossella insomma verifica e supervisiona l’intero ciclo degli aiuti umanitari. Medicine, viveri, ma anche la solidarietà nelle sue manifestazioni più sottili e quotidiane. Sfidando tutto: una cultura diversa, una povertà che non conosciamo, la diffidenza di chi è abituato a sentirsi abbandonato, la difficoltà di farsi percepire come degli attori neutrali in uno scenario devastato dagli schieramenti etnici, politici e religiosi. Un lavoro delicato e prezioso, c’è bisogno di dirloUn lavoro per cui Rossella ha lasciato la sua terra e i suoi affetti. Per cui innanzitutto ha studiato, con tutta la passione e la determinazione che una missione del genere può richiedere.

Le testimonianze sul sito creato dalla sua famiglia raccontano di lei, del suo lavoro. Ma lì ha trovato spazio anche la voce di chi non l’ha mai conosciuta, di chi in questi mesi ha sentito gli appelli per farla tornare a casa, in sicurezza. Di chi la immagina spaventata, sola e stanca.

Rossella è preziosa. Non solo perché si è laureata con lode o per il coraggio di scegliere il lavoro che ha scelto. Fosse stata anche meno brillante o meno motivata, non farebbe alcuna differenza. Rossella DEVE tornare a casaDeve avere la possibilità di continuare a vivere, a scegliere, a lavorare. Deve poter seminare ancora la sua determinazione.

Nota di RiCreAzioni: oggi 29 febbraio  è il blogging day per sensibilizzare l’opinione pubblica e le autorità a favore di Rossella Urru e di tutte le persone rapite all’estero e noi di RiCreAzioni  ci siamo, un piccolo angolo di mondo che aspetta Rossella.

Annunci

Una Risposta to “29 febbraio: liberate Rossella Urru!”

  1. La più bella notizia del giorno: ciao Rossella, bentornata a casa! « RiCreAzioni Says:

    […] pubblica e le autorità a favore di Rossella Urru e di tutte le persone rapite all’estero  (https://ricreazioni.wordpress.com/2012/02/29/29-febbraio-liberate-rossella-urru/) e ora siamo così felici di sapere che è finalmente libera! Like this:Mi piaceBe the first to […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: